I finalisti del Contropremio Carver 2018

Lascia un commento

ottobre 4, 2018 di Prospektiva: laboratorio letterario tra festival e premi, tra inviti alla lettura e sentieri narrativi.

premio-letterario-carver

La sedicesima edizione del Contropremio Carver e i primi verdetti della giuria

Leggere un libro è affare semplice. Si trova un posto comodo, si cerca il silenzio e si scava. Certo è che non a tutti piace la roccia, ma neppure la sabbia, o la terra dolce. Si può dire che ogni lettore ha il proprio piccone e pala e chiede il grado di fatica che più gli è vicino. Pretende, ovviamente, il lettore, non certo di trovare sempre il filone d’oro, ma di veder corrisposta la fatica.
La fatica nera di scrivere alla fatica bianca della lettura.
Un contropremio si anima tra vecchi album e tanti appunti e scava, e cerca. Per questo lo scontro si fa quasi incontro tra giudizi e pareri, tra libri amati e libri odiati.
Da sedici anni il Carver – nato a Roma nel 2003 – senza cercare clamori, luci e perline colorate, ha letto e cercato di trovare buoni libri per spingere avanti la scrittura.
In altre parole ecco cosa è venuto fuori fino a questo momento.

Per la sezione narrativa la giuria ha proposto dieci libri che dopo una seconda lettura diventeranno cinque. In prefinale sono arrivati:

Vinpeel degli orizzonti di Peppe Millalta (Neo.);

Dalla parte opposta. L’amore, l’immortalità e l’altrove di Valerio Vigliaturo (Augh! Edzioni);

Stella dei volti di Lorenzo Gobbi (Castelvecchi);

Il perturbante di Giuseppe Imbrogno (Autori Riuniti);

La perseveranza di Davide Rosso (Italic Pequod);

Doctor reset di Dario Neron (Il Camaleonte edizioni);

Gandhi si è fermato a Napoli di Anna Maria Montesano (Homo Scrivens);

Il peccato armeno, ovvero la binarietà del male di Matteo Nunner (Undici Edizioni);

Sei troppo grande per capire certe cose di Anna Martinenghi (Edizioni del Gattaccio);

Uno spazio minimo di Rosalia Messina (Melville edizioni).

 

Per la sezione saggistica sono in finale:

Le strategie dell’oblio. Percorsi e ricorsi nel cinema italiano sulla Shoah dal 1945 al 2016 di Alessandro Izzi (Universitalia);

Donna della parola. Etty Hillesum e la scrittura che dà origine al mondo di Antonella Fimiani (Apeiron);

Artemisia e le altre. Miti e riti di rinascita della violenza di genere di Marialuisa Vallino e Valeria Montaruli (Armando editore);

Fenomenologia di Manuel Agnelli di Cristiana Boido (Dissensi);

La bambina sotto il pianoforte. Storie d’amore e di musica nella Modena di Mirella Freni, Leone Magiera e Luciano Pavarotti di Micaela Magiera (Artestampa).

 

Infine per la sezione poesia in finale sono arrivati:

Mi fido del mare di Carla De Angelis (fara editore);

Zircone di Daniel Skatar (Campanotto editore);

Sottotraccia di Alessandro Trionfetti (Ensemble);

Sconto di pena di Carla Mussi (puntoacapo editrice);

Innesti di Grazia Frisina (Nomos edizioni).

 

Cosa accade ora? I giurati della sezione narrativa dovranno fare un nuovo giro di schede di valutazione e rivedersi altre volte per definire la cinquina. Quanto tempo ci vorrà? Forse un giorno, una settimana, un mese, certo è che non basta una vita intera per avere lo stesso metro fatto di studio, passioni, ricerca.
Il Contropremio Carver è questa roba qui. Insomma i libri vengono letti e basta. Non guardiamo i nomi degli autori o i marchi editoriali, ma scaviamo.
“Avremmo potuto avere dopo sedici anni ben più visibilità – scrive Andrea Giannasi che del premio è il coordinatore – perché sulle nostre scrivanie di libri di autori ‘conosciuti’ o peggio ancora ‘famosi’, ne abbiamo visti molti. È che alla fine c’erano altri libri migliori e così abbiamo sempre scelto la lettura alla vetrina. Alla falsa fascetta con numeri inventati, o al nome del protagonista vip. Insomma la lettura di buoni libri senza falsare o peggio ancora ingannare il lettore. Perché, e di questo ne sono convinto, per troppi anni questi sono stati frodati, abbindolati, circuiti, su pezzi di carta che valevano meno di un pezzo di carta straccia”.
E il Contropremio ha anche la misura del proprio successo visto che negli anni sono stati premiati autori ancora non conosciuti che oggi pubblicano con editori grandi e fanno belle cose in giro per il paese.
Per questo è nato il piccolo Contropremio Carver che da sedici anni legge libri.
Infine l’ultima cosa che tutti chiederanno. Quando ci sarà l’incontro con i finalisti. Seguiranno istruzioni.

Per conoscere il resto visitate il sito:
www.contropremiocarver.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: